--------------------------
AREA CLIENTI

--------------------------

NWG Energia S.p.a. Società Benefit - Sede legale: Via Sornianese, 91 - 59100 Prato
P.Iva e C.F. N. Iscr. Reg. Impr. PO: 02294320979 - Rea n. PO-521147 - Cap. Soc. € 5.000.000,00 i.v.

Scopri la rete NWG New World in Green:

new world in green

Come risparmiare sulla bolletta della luce: 10 consigli

In questo periodo di caro bollette è importante sapere come ridurre il proprio consumo di elettricità, per diminuire i costi da sostenere per la fornitura di energia elettrica. In questa guida proponiamo 10 consigli utili su come risparmiare sulla bolletta della luce, con alcuni trucchi e accorgimenti efficaci per abbassare i costi dell’energia elettrica.

In questo modo non solo è possibile usufruire di un vantaggio economico, ma si può anche aumentare la propria sostenibilità ambientale grazie a uno stile di vita più green e una serie di buone abitudini che rispettano il pianeta, per diminuire le emissioni di gas serra e contribuire alla lotta contro il riscaldamento globale e il cambiamento climatico.

Consiglio 1: Come risparmiare sulle bollette della luce con l’automazione domestica

I sistemi domotici aiutano a migliorare l’efficienza energetica della propria casa, anche se non sempre si ha la possibilità di automatizzare tutti i processi. Tuttavia, è possibile iniziare gradualmente dall’installazione di un termostato programmabile a controllo remoto, per regolare il riscaldamento domestico in base alla temperatura interna dell’abitazione e alla permanenza all’interno degli ambienti domestici.

In questo modo è possibile evitare che il riscaldamento si attivi mentre non c’è nessuno in casa, ad esempio quando ci si trova a lavoro oppure in viaggio. Inoltre, sarà possibile comandare l’accensione prima del rientro a casa oppure al mattino, per non avere quella brutta sensazione di freddo una volta abbandonate le coperte.

In questo caso bisogna programmare il riscaldamento senza esagerare con le temperature, ma creando comunque un ambiente piacevole. Diciamo che il clima ideale in un appartamento in inverno è di 19-20°C per quanto riguarda il giorno, mentre di notte dovrebbe aggirarsi intorno ai 15-17°C. Superare questi limiti significa utilizzare più energia, con dei costi maggiori in bolletta e delle emissioni di gas serra più elevate.

termostato

Consiglio 2: Come risparmiare sull’energia elettrica con la luce del sole

La prima cosa che si dovrebbe fare quando si acquista una casa è vederla di sera, per capire quanta luce entra dalle finestre. Scegliere un’abitazione con una buona esposizione solare, infatti, offre numerosi vantaggi, sia in termini di salubrità degli ambienti interni che di risparmio energetico.

Innanzitutto, una casa ben esposta alla luce solare consente di spendere meno per l’illuminazione, in particolar modo nel periodo primaverile ed estivo quando le giornate si allungano, inoltre è possibile risparmiare sul riscaldamento in quanto la radiazione solare riscalda gli ambienti domestici in modo naturale.

Allo stesso modo, è possibile creare delle postazioni di lettura e di lavoro nei pressi delle finestre per risparmiare energia elettrica, sfruttando la luce naturale per ridurre il numero di ore di utilizzo delle lampadine artificiali. A questo punto qualcuno potrebbe muovere l’obiezione per cui una casa con un’esposizione in pieno sole richiederebbe un investimento notevole per il raffrescamento estivo.

In realtà, basta scegliere un climatizzatore con una classe energetica alta e seguire alcuni accorgimenti, ad esempio non impostare temperature troppo basse rispetto all’esterno e utilizzare la funzione di deumidificatore per rendere l’ambiente meno umido e più confortevole.

Se hai ancora dubbi, puoi leggere il nostro articolo dedicato ai consumi del condizionatore e ai consigli per risparmiare energia.

Consiglio 3: Risparmiare sulla luce elettrica scegliendo gli elettrodomestici della migliore classe energetica

Spesso siamo abbagliati da offerte di mercato che ci propongono elettrodomestici a prezzi molto competitivi. Ma ci si guadagna veramente? In realtà, quando prendiamo in considerazione l’idea di acquistare un dispositivo elettrico o elettronico è fondamentale controllare le indicazioni riportate nell’etichetta energetica del prodotto.

Un elettrodomestico di classe A consuma meno rispetto a uno di classe D o F. Allo stesso tempo, però, più elevata è la classe energetica e maggiore è il costo del prodotto, quindi bisognerà affrontare un investimento iniziale più alto. Ad ogni modo, in parte sarà ripagato dal risparmio ottenuto sulle utenze domestiche, un aspetto da valutare con grande attenzione.

Consiglio 4: Come combattere il caro bollette riducendo il consumo di acqua ed energia degli elettrodomestici

Dopo aver scelto con cura gli elettrodomestici non resta che farli lavorare nel modo giusto, per ottenere vantaggi non solo dal punto di vista delle performance, ma anche da quello dei consumi energetici. Al giorno d’oggi nessuno rinuncerebbe alla lavastoviglie o alla lavatrice in casa, infatti questi elettrodomestici hanno migliorato le nostre vite, offrendoci la possibilità di demandare alcune faccende domestiche che ci consentono di godere di più tempo libero.

Tuttavia, oltre a scegliere elettrodomestici della migliore classe energetica, è indispensabile utilizzarli a pieno carico, in questo modo è possibile ottimizzare sia i consumi d’acqua che quelli energetici. Inoltre, è importante preferire i lavaggi sotto i 60°C, riservando questi ultimi solo a una particolare tipologia di capi che hanno bisogno di un lavaggio più intenso.

elettrodomestici

4.1. L’asciugatrice è davvero nemica dei consumi energetici?

L’asciugatrice è uno di quegli elettrodomestici particolarmente energivori, soprattutto per quanto riguarda alcuni modelli. Per risparmiare sui consumi elettrici è opportuno preferire un’asciugatrice a pompa di calore con la stessa capacità di carico della lavatrice. Ci sono alcuni casi in cui non si può prescindere dal suo uso, per esempio in case senza un luogo adatto per far asciugare i capi all’aria, oppure in località troppo fredde, umide e mal esposte.

Se vogliamo utilizzare al meglio la nostra asciugatrice basta:

  • avviarla solo a pieno carico;
  • centrifugare i capi dopo il lavaggio per eliminare la maggior parte dell’acqua;
  • impostare i programmi con la massima temperatura solo quando necessario. 

4.2 Le pentole giuste per i piani a induzione

Con un piano cottura a induzione bisogna scegliere pentole del diametro corretto per evitare che ci siano dispersioni di calore. In più basta un gesto semplice come usare i coperchi per velocizzare i tempi di cottura, ottenendo un discreto risparmio di energia elettrica sull’utilizzo del piano cottura.

4.3 Frigorifero: come ottimizzare i consumi energetici

Per il frigorifero e il congelatore è necessaria una collocazione in una zona della casa con la giusta ventilazione e leggermente staccata dalla parete, per aspirare la polvere che può depositarsi sul retro (ovviamente l’indicazione vale per i modelli a libera installazione e non per quelli a incasso).

Bisogna anche seguire le impostazioni di fabbrica riguardo le temperature corrette, oltre a eliminare periodicamente la brina o scegliere un modello con lo sbrinamento automatico per migliorarne le performance. È necessario anche evitare di aprire e chiudere continuamente la porta del frigo per non favorire la dispersione del freddo, evitando un maggior lavoro da parte dell’elettrodomestico per raggiungere la temperatura interna impostata.

4.4. Forno elettrico o a microonde: l’eterna lotta per ottimizzare al meglio i consumi

C’è chi ritiene che il forno a microonde non offra performance in cottura degne del forno elettrico, oppure pensa semplicemente che siano entrambi elettrodomestici validi, ma la differenza in termini di consumi energetici è legata al tipo di utilizzo.

Usare il forno ventilato consente di distribuire il calore uniformemente e ottimizzare i tempi di cottura. Il forno a microonde, invece, consuma di meno e i tempi di cottura sono veramente ridotti, inoltre impiega meno tempo anche in fase di scongelamento degli alimenti.

Consiglio 5. Come pagare poco le bollette: spegnere la luce e scegliere lampadine a basso consumo

Sembra un consiglio banale ma bisogna sempre spegnere le luci quando si esce da una stanza, oppure quando non è necessaria l’illuminazione per la presenza della luce solare nell’ambiente interno, un accorgimento che garantisce un buon risparmio energetico di elettricità.

Naturalmente bisogna sostituire tutte le lampadine a incandescenza con le luci a LED, preferendo modelli a basso consumo e alta efficienza luminosa. Le lampadine a LED sono anche più ecologiche in quanto non contengono sostanze pericolose per l’ambiente, in più durano a lungo, si possono dimmerare e gestire da remoto.

Consiglio 6. Trucchi per risparmiare in bolletta: attenzione allo standby degli elettrodomestici

Sono in casa, ma non sempre ce ne rendiamo conto: si tratta di tutti quei dispositivi che restano in standby o in falso spegnimento. Si tratta di consumi che alla fine dell’anno pesano sulla bolletta energetica in modo considerevole, eppure sono del tutto evitabili in quanto inutili.

Il consiglio è quello di dotare gli elettrodomestici di interruttori per evitare lo standby. Questo vale anche per le unità interne dei condizionatori, mentre pc, console di gioco e TV possono essere raggruppati in prese multiple, così da centralizzare lo spegnimento quando non sono in uso.

Consiglio 7: Ottimizzare i consumi installando un impianto fotovoltaico

Se si ha la possibilità di installare un impianto fotovoltaico si tratta di un ottimo modo per risparmiare sulla bolletta, producendo in modo autonomo una parte dell’energia elettrica necessaria per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

Acquistare un impianto fotovoltaico adesso può essere molto conveniente, grazie alla presenza delle agevolazioni pubbliche che aiutano ad ammortizzare la spesa iniziale. Ad ogni modo è fondamentale dimensionare bene l’impianto, affidandosi a dei professionisti specializzati per gestire l’intero progetto e massimizzare il risparmio sui consumi.

Consiglio 8. Imparare a leggere la bolletta: ecco perché è importante

Imparare a leggere la bolletta elettrica consente di capire quali sono le fasce energetiche più convenienti per avviare gli elettrodomestici. Per questo, comprendere le voci che caratterizzano la bolletta è fondamentale per risparmiare energia e consumi, ad ogni modo se stai cercando un gestore di energia green puoi approfondire qui le offerte di NWG Energia.

Consiglio 9: Monitorare il consumo di elettricità per risparmiare sulla luce

Per sapere dove intervenire per risparmiare sull’energia elettrica bisogna monitorare i consumi, utilizzando apposite app per smartphone oppure dei misuratori da montare alle prese di corrente della casa. Controllare i consumi permette di individuare subito eventuali anomalie, intervenendo per risolvere il problema ed evitare un aumento dei costi in bolletta.

 

Consiglio 10: Migliorare l’efficienza energetica della casa per ridurre il consumo elettrico

Molti italiani stanno sostituendo gli impianti a gas come la caldaia con delle alternative elettriche più efficienti, come la pompa di calore e la caldaia elettrica. Per risparmiare energia elettrica bisogna ridurre gli sprechi termici, investendo nell’efficientamento energetico della casa attraverso un cappotto termico, la schermatura delle finestre, la sostituzione degli infissi o la sigillatura dei passaggi d’aria.

Domande frequenti

Dopo i 10 consigli per risparmiare sulla bolletta della luce, vediamo le risposte alle domande più frequenti poste dagli utenti su internet per chiarire ogni dubbio.

Come pagare di meno la bolletta della luce?

Per pagare di meno la bolletta della luce bisogna scegliere una tariffa conveniente e ridurre il consumo di elettricità in casa.

Quali sono gli orari per risparmiare energia elettrica?

Nelle tariffe luce biorarie gli orari migliori per risparmiare sono dalle 19.00 alle 8.00 nei giorni feriali, il sabato, la domenica e i giorni festivi in qualsiasi orario.